La Stewardship Antimicrobica nella gestione delle infezioni complicate da Gram negativi difficili nell’epoca della carbapenem-sparing in Alto Adige

La patologia infettiva in questi ultimi 30 anni ha subito una profonda evoluzione: si sono notevolmente modificati gli agenti eziologici delle infezioni e la stessa tassonomia microbiologica. Le resistenze agli antibiotici sono sempre più rilevanti e si riscontrano percentuali sempre maggiori di microrganismi patogeni Gram-negativi. Sono aumentate infatti le condizioni che possono incrementare la suscettibilità alle infezioni, quali sono, ad esempio, la presenza di altre infezioni e le gravi patologie concomitanti. Lo stato di allerta ha principalmente riguardato le infezioni da MDR da Gram negativi. Compito dell’infettivologo è quindi conoscere attentamente l’entità del problema e mettere in atto tutte le strategie gestionali e terapeutiche idonee ad affrontare adeguatamente l’emergenza. La biologia molecolare ha rivoluzionato i metodi diagnostici e molti sono stati anche i nuovi farmaci antimicrobici introdotti nella pratica clinica, dagli antivirali, agli antibatterici per germi difficili agli antimicotici. Tuttavia spesso l’uso inappropriato degli antibiotici e gli effetti collaterali a questo correlati ha portato al gravissimo fenomeno delle resistenze agli antibiotici. Obiettivo dell’incontro è proprio quello di condurre il clinico alla conoscenza del valore aggiunto delle nuove molecole antibiotiche, del loro impiego in determinati casi di MDR (MultiDrug Resistance) e di far riflettere su quale potrebbe realmente essere il paziente a cui darlo in empirica, senza cadere in un utilizzo errato, fornendo gli elementi teorico-pratici per un corretto approccio alle principali patologie infettive e favorendo l’individuazione di efficaci strategie condivise di intervento per far fronte al problema dell’antibiotico resistenza.

Bolzano Bolzano

Sala Biblioteca Ospedale San